Molti tra i soggetti ritratti da Marco Grasso sono animali rari, la cui restituzione attraverso la tela conferisce dignità e valore alla loro esistenza.

Escono dalla visione di uno scatto fotografico nella dimensione astratta e concettuale della pittura contemporanea, dove ciò che si vede non è mai solo quello che si vede.

Elena Di Raddo

Professore di Storia dell’Arte contemporanea

Università Cattolica di Milano